Chi è WonderAle ðŸŒŸ

WonderAle 🌟 è stato il mio “nome di battaglia” mentre guarivo dall’encefalite autoimmune che mi ha colpita nel 2015. Poi è diventato anche il mio “nome d’arte” quando sono tornata a stare bene e a dedicarmi alle mie passioni: la corsa, i fumetti, la scrittura. Derivato da una grande ammirazione per Wonder Woman, coniato per caso da un amico oramai anni or sono, è diventato il mio modo di ispirarmi e farmi forza quando serve!

2017: I want more! – 2017: Voglio di più!

My wishlist of 2016 was a sort of confuse flow of neverending thoughts and worries about only a desperately desire of full recovery, because only few months before I have started to come out from my anti NMDA-r encephalitis nightmare. But now I can see myself in a different way and I feel better and even better day by day. In 2016 I worked hard in every single aspect of my life (job, friends, sport, home, family) and I managed a lot of problematic situations, sometimes because of the illness, sometimes despite it, sometimes through it. I learned a lot and I have achieved many goals, at least. Something is to be fixed yet, but I’m quite satisfied. If I can imagine it, I can do it. So 2017: this year I want more from you! I would like to have my entire life back and I want really live it better. This Wishlist is a synthetic sample of what I mean, my Dear New Year!

La mia lista dei desideri del 2016 era una sorta di confuso flusso di nterminabili pensieri e preoccupazioni che riguardavano solo un disperato desiderio di pieno recupero, perché solo pochi mesi prima avevo iniziato ad uscire dal mio incubo dell’encefalite anti recettore NMDA. Ma ora posso vedere me stessa in un modo diverso e mi sento meglio e ancora meglio di giorno in giorno. Nel 2016 ho lavorato duro in ogni singolo aspetto della mia vita (lavoro, amici, sport, casa, famiglia) e sono riuscita a gestire un sacco di situazioni problematiche, a volte a causa della malattia, a volte nonostante, a volte attraverso di essa. Ho imparato molto e ho raggiunto molti obiettivi, almeno. Qualcosa deve essere ancora sistemato, ma sono abbastanza soddisfatta. Se posso immaginarlo, posso farlo. Quindi 2017: quest’anno voglio di più da te! Mi piacerebbe avere tutta la mia intera vita indietro e voglio davvero viverla meglio. Questa Lista dei Desideri è di un esempio sintesico di quello che voglio dire, mio ​​Caro Anno Nuovo!

Rainbow in my mind – Un arcobaleno in testa 

After the encephalitis, my poor precious brain

Has suffered for months a lot of pain,

But thanks to my healing I can regain

All my personal skills, ‘cause I’m not insane!

So please don’t you think I’m vain

If I’m strong and proud again, 

And remember a lesson, the main:

The rainbow comes always after the rain!

By Alessia Bellino, original English version, 4th Dec. 2016

Dopo l’encefalite, la mia povera preziosa mente

Ha sofferto per mesi tanto intensamente,

Ma grazie alla mia guarigione posso recuperare

Tutte le mie vere abilità, perché non sono da ricoverare!

Per cui per favore non pensate che sia vanitosa

Se son tornata ad esser forte e orgogliosa,

E ricordatevi una lezione, la più importante che ci sia:

Quando arriva l’arcobaleno la pioggia va via!

Di Alessia Bellino, traduzione adattata dal’inglese, 4 Dic. 2016

Deep in Purple – Nel Profondo Viola

cropped-image1-1.jpg

Purple is not only my favourite colour since I was a kiddo, but it’s my way of life, because it represents the union between Red, the color of passion, life and love, and  Blue, the dark, the melancholy, the calm. Fire and Water. The coexistence of two basic elements inside me, Life and Death, especially after what happened  almost 2 year ago.

And it’s how I picture myself, in a certain way, deep in purple with all myself.

Il viola non è solo il mio colore preferito sin da quando ero una ragazzina, ma è il mio modo di vivere, perché rappresenta l’unione tra il rosso, il colore della passione, la vita e l’amore, e il Blue, il buio, la malinconia, la calma . Fuoco e Acqua. La coesistenza di due elementi fondamentali dentro di me, vita e morte, soprattutto dopo quello che è accaduto quasi due anni fa.

Ed è come mi immagino, in un certo modo, nel profondo viola con tutta me stessa.

 

I’m a SUPERvivor! Sono una SUPERvivente!

alessia-lioness

 

I’m an anthropologist and I work as Management Coordinator of Integra’s Area at Gulliver social cooperative from 10 years about intercultural mediation, I’ve always lived in Modena but origins are from Calabria, I’m happily married to Marco, my love since I was twenty, I’m a runner for wellness and fun, in my free time I draw comics as a hobby, I love to travel, read, eat, go to concerts, dance and stay with friends and relatives. I’m a Leo and I have a strong character, I’m stubborn but generous.

In 2015 I had an anti NMDA-receptor encephalitis, a rare autoimmune disease, insidious and dangerous, but reversible if treated in time. I’m alive thanks to my wonderful doctors, Marco, my parents and my brother. After 100 terrible days in the hospital and 10 months of difficult recovery, I started to take over my life in every sense and every day that passes is one more conquest.

 

And this [blog] is about me, my SUPERviving, at all and to all!

Sono un’antropologa e lavoro come Coordinatrice Gestionale dell’Area Integra presso Gulliver cooperativa sociale da 10 anni per la mediazione interculturale, vivo a Modena da sempre ma sono di origini calabresi, sono felicemente sposata con Marco, mio amore da quando avevo 20 anni, sono una runner per benessere e divertimento, disegno fumetti per hobby, amo viaggiare, leggere, mangiare, andare ai concerti, ballare e stare con gli amici e i parenti. Sono del segno del Leone e ho un carattere forte, sono testarda ma generosa.

Nel 2015 ho avuto un’encefalite anti recettore-NMDA, una rara malattia autoimmune, subdola e pericolosa, ma reversibile se curata in tempo. Sono viva grazie ai miei fantastici dottori, a Marco, ai miei genitori e mio fratello. Dopo 100 terribili giorni di ospedale e 10 mesi di difficile recupero, ho ricominciato a prendere in mano la mia vita in tutti i sensi e ogni giorno che passa in più è una conquista.

 

E questo [blog] riguarda me, il mio SUPERvivere, a tutto e a tutti!

 

Tra i 31 e i 32

Ti capita che hai una bella vita, un lavoro appassionante, un marito innamorato, mamma e papà e un fratello adorato, tanti amici e vari interessi. Ti piace viaggiare, correre, disegnare, andare ai concerti e vedere film. Sei lunatica e passionaria, a volte un po’ svampita e tanto energica. Sei alla soglia dei 31 e mezzo e fino ai 32 ti ricordi poco. Ti sei ammalata. Ti raccontano di una malattia rara. Una encefalite autoimmune del recettore anti-NMDA. Ok. E ora che faccio? Cosa mi ricordo? Quasi nulla. Dal 13 marzo al 23 giugno tanto buio e tanti incubi si affollano nella mia mente. Sono felice di essere fuori dall’ospedale e capisco di essere viva, ma non fino in fondo nel sole di luglio e agosto.